La corretta salute e l’equilibrio dei nostri muscoli è basato sul metabolismo dei muscoli stessi. Il metabolismo muscolare si basa su due procedimenti opposti fra loro: il catabolismo e l’anabolismo.

L’anabolismo forma molecole più grandi partendo da molecole piccole: glucosio che forma glicogeno, acidi grassi e trigliceridi e gli aminoacidi e le proteine.
Differentemente il catabolismo prende macromolecole e le suddivide in parti più piccole, fino a trasformare la molecola in calore.

La costruzione dei muscoli quindi richiede uno stato di anabolismo costante, perché l’anabolismo è in sostanza la costruzione di tessuti nuovi.
Nel caso in cui l’allenamento è particolarmente intenso e non diamo nutrienti abbastanza ai nostri muscoli, emerge il catabolismo che poi può causare un problema(disgregazione muscolare).

Il catabolismo muscolare purtroppo si manifesta solo tramite sintomi, e questi sintomi dovremmo poterli riconoscere. L’obiettivo dovrebbe essere di evitare una fase di catabolismo muscolare troppo prolungata. Andiamo a vedere quali sono i sintomi, le cause e come trattare il catabolismo muscolare.

Fonti

Quali sono le cause del catabolismo muscolare?

L’atrofia muscolare può essere causata in molti modi, uno dei quali è una alimentazione errata. Il catabolismo muscolare in caso di diete con poche proteine e frutta e verdura può portare a fenomeni di riduzione della massa muscolare.

In caso di diete ipocaloriche per il dimagrimento oppure in una fase di definizione dei muscoli è importante saper controllare e limitare lo stato di catabolismo. Il percorso per cui ci riduciamo gli alimenti e costringiamo il nostro corpo a ridurre gli amminoacidi non è corretto, non è così che si diventa asciutti e con muscoli definiti.

L’obiettivo si raggiunge mobilitando le riserve di grasso e mantenere costante uno stato di anabolismo, in modo di costruire muscoli e bruciare i grassi in modo mirato. In genere chi sceglie un regime dietetico drastico per perdere peso in maniera veloce degrada in realtà la propria massa muscolare.
Questa scelta è fallimentare perché i muscoli bruciano i grassi. Quindi la strada migliore è quella di consumare proteine, fibre e acidi grassi in maniera costante ed equilibrata.

Esistono fenomeni di catabolismo muscolare notturno?

La paura di ogni atleta, sportivo o fitness fan è che nel periodo di sonno, senza assunzione proteica, il catabolismmo degradi i muscoli che ci siamo costruiti con amore durante le fase di allenamento.

In genere quindi l’approccio comune in questi casi è di assumere proteine e integratori mirati proprio la sera, per preparare una riserva a cui attingere nella fase di sonno notturno.

La scelta di riposare poco non è una soluzione, ma anzi è pericoloso nel lungo periodo.
Dormire poco si traduce in una produzione più alta di cortisolo, che di conseguenza causerà più catabolismo. Inoltre meno sonno e di meno qualità causa meno produzione di ormoni quali testosterone e GH, e quindi si hanno meno fasi di anabolismo.

Quali sono i sintomi del catabolismo muscolare?


I sintomi della perdita di massa e tono muscolare sono variabili, ma di massima i sintomi di atrofia muscolare possono includere:

  • Avere degli arti più piccoli degli altri;
  • Sentire debolezza in uno o più arti in generale;
  • Avere difficoltà a mantenere l’equilibrio;
  • Stati di inattività prolungati.

Come trattare queste fasi di catabolismo?

Per prima cosa va scelto un regime dietetico appropriato ed una corretta integrazione.
Gli integratori anti catabolici sono fondamentalmente di due tipi:

Anti catabolici ad azione diretta, che agiscono su ogni fibra muscolare evitandone il degradamento;
Anti catabolici indiretti, che si basano su un mediatore esterno di origine ormonale. Un esempio di questo tipo sono insulina, testosterone, IGF-1.

Gli integratori hanno un ruolo di modulatore di questi ormoni. In questi casi l’ingestione di questi è naturale e non ha effetti collaterali.

Un valido supporto è la Fisioterapia, andando ad agire sulla prevenzione dell’immobilità, aumento della forza muscolare, miglioramento della circolazione sanguigna e aumento di contrazione muscolare continua.

Un altro alleato è la stimolazione elettrica funzionale, attraverso elettrodi si stimola la risposta muscolare con una scarica di corrente continua.

Fonti

Armageddon: un valido alleato in caso di alimentazione ipoproteica

Armageddon è l’integratore ideale composto da 9 aminoacidi essenziali, da scegliere in caso di aumentato fabbisogno o mirato per sportivi che sono abituati ad un’attività fisica intensa.

E’ adatto sia per endurance che per sport che richiedono elevata potenza. 

Complementare ad un regime alimentare corretto.

FACEBOOK

INSTAGRAM

TELEGRAM

Scopri “L’integrazione nella Paleo Dieta”

  • Perché le carenze nutrizionali hanno a che fare con l’invecchiamento e le malattie?
  • Quanti nutrienti troviamo nel cibo che mangiamo?
  • Quali sono gli integratori assolutamente necessari?
  • Qual è il dosaggio fisiologico sano di vitamina D3 (25OH) che non dovresti superare e perché? Non è 150 ng…nemmeno 100 ng…nemmeno 70 ng…
  • A queste e ad altre domande troverai risposte esaustive all’interno del libro, e sconti esclusivi da utilizzare per l’acquisto dei prodotti dello shop.
Categorie: Vitamine

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error

Segui Paleocomplex sui social e rimani aggiornato con informazioni utili e promozioni