Conosci le caratteristiche e i tanti benefici del selenio metionina? Forse hai già sentito parlare del selenio, un minerale presente in varie forme nel nostro corpo e che è componente di alcuni enzimi indispensabili per combattere contro i radicali liberi e per proteggere le membrane cellulari.

 

Meno conosciuto è un’altra forma di questo minerale, la selenio metionina, che deriva dalla sintesi di selenio e metionina. Scopri a cosa serve e quali sono i disturbi quando il tuo organismo ne ha carenza.

Selenio metionina a cosa serve

In questa forma, il selenio metionina aiuta a mantenere un sistema immunitario forte e sano e protegge le cellule dallo stress ossidativo che porta all’invecchiamento precoce. Le fonti alimentari ricche di selenio sono il pesce e le frattaglie, seguite da carni magre.

Quali sono i benefici del selenio?

I benefici sono davvero molti. Ne elenchiamo qui di seguito i principali:

 

  • aiuta a mantenere sani i capelli e le unghie;
  • il selenio contribuisce alla normale funzione tiroidea e al sistema immunitario;
  • aiuta a proteggere le cellule dallo stress ossidativo;
  • contribuisce alla normale spermatogenesi.

Quali sono i disturbi se si ha carenza di selenio?

I sintomi della carenza di selenio possono essere:

  • debolezza muscolare;
  • diminuzione delle difese immunitarie;
  • aumento dei processi infiammatori;
  • invecchiamento precoce e formazione di cataratta;
  • problemi cutanei e patologie associate a danno dei radicali liberi;
  • perdita di memoria;
  • arteriosclerosi;
  • malattie cardiovascolari.

Inoltre, il selenio e la tiroide sono spesso collegati. È presente in concentrazioni molto elevate in questa ghiandola. Infatti, è coinvolto nella produzione di ormoni tiroidei insieme allo iodio e la sua carenza può causare seri problemi.

 

Cosa provoca eccesso di selenio?

Un eccesso di selenio causato da un’assunzione erronea e superiore ai 900 mcg al giorno può avere degli effetti dannosi per l’organismo. I sintomi possono includere nausea, vomito, diarrea, perdita di capelli, alterazioni delle unghie, eruzioni cutanee, affaticamento e danni ai nervi. Anche il tuo alito potrebbe cambiare, provocando un odore simile a quello dell’aglio.

Eccesso selenio e caduta dei capelli

 

La diagnosi di sovradosaggio di selenio si basa su sintomi che includono anche la rapida caduta dei capelli.

Selenio proprietà e controindicazioni

Il selenio metionina ha realmente molte proprietà benefiche per il nostro organismo. Eccone alcune:

 

  • preserva la memoria: questo minerale generalmente diminuisce nel nostro organismo con l’avanzare dell’età. Diversi studi hanno trovato una correlazione tra questo fenomeno e il declino cognitivo, come la perdita di memoria;
  • previene le malattie cardiache: partecipa anche alla fluidificazione del sangue e previene l’adesione delle piastrine, prevenendo così la formazione di coaguli di sangue. Quest’ultimo è alla base anche di patologie come ictus, malattie cardiache, embolia polmonare e insufficienza renale;
  • può prevenire i sintomi dell’influenza: grandi dosi di questo minerale possono proteggerti anche da disturbi stagionali come raffreddore, tosse e mal di gola.
  • il selenio è anche prezioso per la salute dei capelli. Infatti, coinvolto nella produzione delle proteine, presenti nel capello stesso, ne favorisce la crescita.

Controindicazioni

Ora che hai conosciuto le enormi proprietà di questo minerale, la nostra raccomandazione è quella di non superare le dosi raccomandate. Fino a 400 mcg die il selenio è ben tollerato e non causa nessun problema. Dosaggi superiori potrebbero portare al manifestarsi dei problemi prima descritti

Prova Magneto

Il Selenio è presente in diversi integratori di Paleocomplex, in particolare in Magneto, che lo contiene in forma liposomiale.

 

FACEBOOK

INSTAGRAM

TELEGRAM

Scopri “L’integrazione nella Paleo Dieta”

  • Perché le carenze nutrizionali hanno a che fare con l’invecchiamento e le malattie?
  • Quanti nutrienti troviamo nel cibo che mangiamo?
  • Quali sono gli integratori assolutamente necessari?
  • Qual è il dosaggio fisiologico sano di vitamina D3 (25OH) che non dovresti superare e perché? Non è 150 ng…nemmeno 100 ng…nemmeno 70 ng…
  • A queste e ad altre domande troverai risposte esaustive all’interno del libro, e sconti esclusivi da utilizzare per l’acquisto dei prodotti dello shop.

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error

Segui Paleocomplex sui social e rimani aggiornato con informazioni utili e promozioni